• Francesca

La storia di Villa Elisa e della famiglia Oggero

Aggiornato il: mag 18

C'era una volta.....

E' cosi che hanno inizio tutte le storie piu' belle e anche la nostra non fa eccezione.




C'era una volta in Piemonte un'osteria, con precisione a Torino in Via Monginevro, denominata " TRE SCALINI", gestita da una famiglia composta da mamma Margherita (Gonelli), papa' Paolo e due fratellini di nome Tommaso e Antonio.... gli "Oggero".


I due fratelli, dato il poco tempo libero dei genitori, vennero educati dalla zia, la sorella del padre, nominata " Magna Ghitin", che significa " zia Margherita".

Al completamento della scuola d'obbligo, nel 1892, il padre decise che i figli avessero studiato abbastanza e che fosse ora che imparassero una professione, pertanto acquisto' un biglietto del treno per Tommaso con destinazione Ginevra ( Svizzera ), con l' obbligo di tornare non prima di tre anni con la qualifica di cameriere di sala. Il figlio piu' grande, Antonio, attraverso' un percorso molto simile.

Negli anni seguenti i due fratelli lavorarono a Ginevra, Londra e Francoforte. Conobbero in seguito, durante la loro carriera ( putroppo non sappiamo ne' dove ne' quando ) due sorelle , Giulia e Annetta, originarie di Torino ( Altessano ), vicino a Venaria Reale. Il padre delle sorelle era responsabile del magazzino di una fabbrica tessile della zona mentre il fratello si trasferi' in Cile e dopo aver aperto un suo negozio, aver fatto l' agricoltore in una sua piantagione di frutta, divenne produttore di tubi in calcestruzzo. Ambientatosi bene in Cile invito' le sue sorelle a seguirlo che accettarono subito con piacere e si misero in viaggio per settimane in nave. Iniziarono a lavorare nel negozio del fratello ma in seguito ad una rapina si spaventarono e vollero tornare in Italia dove appunto conobbero i fratelli Oggero. Tommaso e Giulia si sposarono a Venaria Reale l'11 luglio del 1908 e anche Antonio ed Annetta si unirono in matrimonio. Quattro persone intraprendenti e laboriose si erano trovate.


I decenni dopo il 1872, con la costruzione della ferrovia, furono un periodo d'oro per la Riviera di Ponente pertanto nel 1909 le due coppie decisero di trasferirsi a Bordighera e di tentare la fortuna . In un primo momento le due sorelle lavorarono all' Hotel Beau Rivage come cameriere ai piani ed i fratelli come camerieri di sala, In seguito, con qualche risparmio, firmarono un contratto d'affitto per gestire in proprio tutti insieme l'Hotel Centrale in piazza della stazione. Tommaso e Giulia ebbero due figli, Anna e Paolo, mentre Antonio ed Annetta ne ebbero tre, Giovanni ( mio nonno ), Ulderico e Caterina. Presto purtroppo nacquero delle controversie tra i fratelli Oggero, come nelle migliori famiglie, pertanto, non appena ebbero un proprio patrimonio che glielo permise, decisero di separare gli affari. Inolte accadde che Caterina, la sorella di mio nonno, mori' all' Hotel Centrale all' eta' di 14 anni per una malattia ai reni e anche questo brutto episodio contribui' a voler lasciare l'albergo.



Alla ricerca di una nuova posizione, i due fratelli acquistarono la Villa Elisa che venne ampliata con la costruzione delle due ali laterali e l' Hotel Quisisana. Antonio, il mio bisnonno, rimase a Villa Elisa, mentre Tommaso si fermo' inizialmente al Quisisana che poi pero' decise di vendere per acquistare nel 1930 l'Hotel Corona a Saint Vincent in Valle d'Aosta. Dato che l'alta stagione a Bordighera ai tempi era quella invernale, mentre in Valle d' Aosta quella estiva, i due fratelli condivisero i dipendenti garantendo a tutti un lavoro continuativo durante l'anno. Tanti furono anche i clienti che d'estate sceglievano il Corona e d'inverno la Villa Elisa. Quando negli anni '50 Tommaso non riusci piu' a lavorare all' Hotel Corona per problemi cardiaci prese la gestione dell' albergo mio nonno Giovanni. D' inverno mio nonno Giovanni gestiva Villa Elisa con l' aiuto di mia nonna Giuseppina e d'estate lui saliva a Saint Vincent ( portandosi anche le gabbie con i suoi uccelli canterini ! ) e lasciava lei a gestire l' albergo a Bordighera. Questo sistema funziono' fino alla seconda guerra mondiale, quando l' Hotel Corona fu piu' volte occupato dai militari. Riapri' tra il 1960 e il 1970 fino a quando non fu venduto al comune.



Villa Elisa rimase invece sempre di proprieta' dei miei nonni.

Ricordo che mio nonno era un ottimista e amante della vita e degli animali ed aveva sul retro dell' Hotel le galline, i conigli, le api, i cani e i gatti. Viveva con mia nonna in una Villetta sul retro dell' Hotel, quello che oggi e' il Bed & Breakfast il Villino, e quando negli anni ottanta lascio' le redini dell' azienda a mio padre, si dedico' ai suoi hobby come la pittura e la collezione di francobolli. Mio nonno, come suo padre, fu un grande albergatore, sempre presente in hotel e capace di intrattenere qualsiasi cliente sui piu' svariati argomenti. Tutte le sere durante il servizio della cena, gironzolava tra i tavoli e salutava tutti, chiedendo informazioni sul soggiorno, sulla salute e lo stato d'animo delle persone: era un personaggio molto divertente. Passava poi in cucina e controllava che tutto andasse come doveva, assaggiava i piatti, parlava con i camerieri e tornava nei saloni. Mia nonna Giuseppina invece era l'addetta all' ufficio e teneva tutti i conti.... si dava un grand da fare anche lei....un bel lavoro di squadra!


Quando mio padre conobbe mia mamma, nel 1972, capi' subito che Rita poteva essere di grande aiuto in Hotel... e non si sbagliava! Originaria di Monaco di Baviera, venne per la prima volta a Bordighera come guida turistica. Parlando il tedesco, mia mamma riusci' ad ampliare il lavoro con tanti turisti tedeschi e numerosi gruppi anche in bassa stagione. I contratti diretti con le agenzie tedesche le permettevano di lavorare quasi tutto l' anno e presto decisero di prendere in gestione anche l' Hotel Astoria per aumentare i numeri di posti letto. Quelli furono gli anni d'oro dei miei genitori, due alberghi da gestire e prima uno, poi due, poi tre e poi quattro figli.

Il turismo a Bordighera negli anni ottanta e novanta ando' alla grande. Noi fratelli crescevamo con le tate, mia mamma era sempre sul lavoro e mio papa' un po' al lavoro e un po' a divertirsi con gli amici tra caccia, pesca, partite a carte e viaggi. D'estate io e i miei fratelli venivamo letteralmente spediti dalla nonna tedesca in vacanza, perche' a Villa Elisa eravamo d'intralcio. Il giorno dopo la fine della scuola si partiva immediatamente in direzione Germania, con piu' precisione verso Winden, nel profondo della campagna Bavarese, dove al posto del mare ci sono i laghetti artificiali e la temperatura a luglio raggiunge i 40 gradi. Se sei fortunato torni al mare a meta' settembre con solo 20 punture di tafani. Abbiamo passato delle belle estati, in bici, giocando a tennis, sempre in compagnia dei nonni che ci hanno insegnato tante cose, pero' il ritorno al mare era sempre un' emozione e quando all' altezza di Genova vedevamo il primo scorcio qualche lacrima di felicita' scendeva sempre.


Quando il turismo incomincio' a calare, i miei genitori lasciarono l' hotel Astoria. Tutte le energie vennero concentrate su Villa Elisa. Nell' arco degli anni fu rinnovato tutto l' albergo, fu creata la zona piscina e le camere furono rimodernate con tutti i comfort.


Io frequentai il liceo scientifico e non voledo andare all' universita' decisi di iniziare a lavorare in albergo, subito come bagnina e a fare un po' di servizio bar, poi in ristorante e reception. Decisi poi a vent'anni, sotto giusta pressione di mia mamma, di partire per la Svizzera per frequentare la scuola alberghiera di Glion a Leysin, dove in circa due anni presi il "post graduate diploma in hospitality management" con il massimo dei voti. Non so ancora oggi come ho fatto! Dopo il diploma iniziai la mia modesta carriera, lavorando prima in Germania, nella Foresta Nera, all' Hotel Traube Tonbach come stagista, poi a Montecarlo come cameriera ai piani e in seguito come responsabile della biancheria dei clienti. Tornai infine per un breve periodo a Villa Elisa per poi partire per Limone Piemonte dove com mio marito gestimmo il Bar la Cremeria per 5 anni. Nel 2011 tornai a casa definitivamente. L'attrazione verso l' albergo di famiglia era troppo forte. Io sono sempre stata molto legata a Villa Elisa.


I miei fratelli invece scelsero strade diverse: Elisa fece le magistrali, in seguito svariati lavori e si trasferi' a Milano per poi tornare a Bordighera qualche anno fa. Oggi fa la maestra d'inglese alle scuole elementari e d'estate gestisce il B&B Il Villino. Mio fratello Stefano studio' in Germania e poi frequento' prima l' universita' a Ginevra, laureandosi in Informatica. Carolina, la piu' piccola, fini' le scuole dell' obbligo, inizio' l' universita prima a Milano poi a Torino frequentando scienze del turismo, poi torno' a Bordighera per lavorare in hotel ed oggi fa la receptionist in un'altra struttura poco lontana da noi. Oggi a Villa Elisa lavoriamo io e mia mamma, che fortunatamente non molla un colpo. Mio fratello ci aiuta in alcuni periodi dell' anno, mentre mio papa' ormai e' in pensione e si occupa ancora un pochino del giardino.


In questi ultimi due anni, a causa del covid, siamo stati chiusi per molti mesi, ma cerchiamo di tenere duro e rimanere al passo coi tempi rinnovando ogni anno parte dell' hotel nel limite del possibile. Tre anni fa circa abbiamo inaugurato il centro benessere che e' stato creato al posto di quella che era la tavernetta e sala tv. Quest' anno abbiamo rifatto l' ingresso, la hall, la zona bar e alcune camere, ma i progetti sono ancora tantissimi.


Non vediamo l'ora di riaprire le porte di Villa Elisa ai nostri clienti ed onorare le fatiche dei nostri bisnonni e nonni, tenere alta la bandiera della famiglia Oggero e del nostro amato albergo, che e' casa nostra ma anche un po' vostra!





E vissero tutti felici e contenti !

The End


W Bordighera!


P.S. Ringrazio di cuore nostro cugino Paolo Eirich, figlio di Anna Oggero in Eirich ( figlia di Tommaso ) che e' molto legato a Bordighera e a Villa Elisa e che negli anni ha raccolto tutte le informazioni possibili riguardanti la nostra grande famiglia!



Post recenti

Mostra tutti